Lunedì 1 Maggio 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Dimensione caratteri standard Dimensione caratteri A++   
Torna alla Home Page
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Cenni storici

 

CENNI STORICI

Il MunicipioIl primo insediamento di Vottignasco risale al IX secolo e si trovava nella zona del Castello.

 

Del comune di Vottignasco si trovano cenni già nel "Cartario di Staffarda" del 1200. In questi antichi scritti si trova il nome di "GAUTIGNASCO - VALTIGNASCA - VOTIGNASCO -VALTIGNASCO e VANTIGNASCO". Il nome, probabilmente, è di origine celtica ,visto il suffisso finale "asco".

 

Al nome di Vottignasco si vuole attribuire anche un'origine latina, "vitis" o "vitigenus", per indicare un luogo coltivato a vite. Molti abitanti di oggi ricordano che in un recente passato vi erano molti terreni coltivati a vite, con "topie" o "pergolati" nei cortili e alteni nei campi. Accenni alla coltura viticola si trovano anche negli statuti locali.

 

La Scuola elementareNel XII secolo, come il resto del Piemonte, il territorio del comune di Vottignasco, era coperto di boscaglia, foreste, gerbidi e paludi, dove vivevano molti animali selvatici (orsi, lupi, ecc.). Più tardi le terre vennero bonificate con l'aiuto dei monaci benedettini del Monastero di San Pietro di Savigliano, che misero a coltura i terreni strappati alle sterpaglie, insegnando agli abitanti della zona la tecnica della coltivazione agraria, contribuendo così anche a mitigare la miseria e le pestilenze che tormentavano gli abitanti del luogo, e introducendo i primi germi del cristianesimo.

 

Il monaco deputato a sovrintendere ed insegnare il lavoro dei campi, era concesso dall'abbazia di Savigliano e veniva chiamato "graciere".
La presenza dei monaci benedettini a Vottignasco è tutt'ora testimoniata dalla via Annunziata che, nel XV secolo, diventò una delle vie principali del caratteristico quadrilatero fortezza.

 

La ParrocchiaDurante il XIV secolo il villaggio si spostò lungo la strada che conduce a Villafalletto in prossimità dell'incrocio con la strada proveniente da Centallo, chiamata oggi via Mattona. Durante il XVIII secolo questo insediamento venne poi abbandonato e furono distrutte le due chiese ed il cimitero che vi si trovavano, .

 

Fino agli inizi del XV secolo la popolazione di Vottignasco consisteva in circa 12 famiglie per un totale di circa 60 persone. Il territorio si estendeva per 8,5 Kmq, come è ancora al giorno d'oggi.

 

Vottignasco è costituito anche da un'unica frazione chiamata Tetti Falchi. Le sue origini risalgono al XII secolo. Il nome può essere collegato a quello di "tectum"o "tecta" che all'epoca indicava una dimora temporanea o una stalla fienile. Erano utilizzate dai contadini per immagazzinarvi fieno e legname. Diventarono dimore stabili nel 1300.

 

Il nome "Falchi" probabilmente deriva dal cognome "Falco" di una famiglia del luogo oppure dal rapace omonimo.

© 2013 Comune di VOTTIGNASCO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune.   W3C Validator   Area riservata   Statistiche di accesso al sito   Il sito fa parte della Rete di Città in Comune   Web developer: Leonardo Web S.r.l.
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento